BARBARESCO DOCG BASARIN 

Basarin è il nome della Menzione Geografica Aggiuntiva (anche detto cru)

dove abbiamo il nostro vigneto nel comune di Neive,

una delle zone più vocate per la coltura del Nebbiolo da Barbaresco

ZONA DI PRODUZIONE

Vigneto situato a Neive a sud-est, ben assolato.

altitudine 300 m s.l.m.

VIGNETI E TERRENO
01_icon.png

5,2 ettari: età media 20 anni su marne di Sant'Agata (strati marnosi con presenza di limo e argilla)

VITIGNO

Nebbiolo

VENDEMMIA
02_icon.png

Manuale nella seconda decade di ottobre

VINIFICAZIONE

Pigiamo e diraspiamo l'uva appena raccolta. La fermentazione è spontanea in vasche di acciaio inox a 27°-28°C. La macerazione a cappello sommerso dura circa 20 giorni. La fermentazione malolattica è spontanea in acciaio. Stabilizzazione a freddo naturale. Il primo affinamento è di 12 mesi circa in botti grandi di rovere (da 30 hl a 50 hl). Il vino lo affiniamo ancora in bottiglia per circa 9 mesi

PRESENTAZIONE
03_icon.png
04_icon.png

Formati disponibili - lt 0.75, lt 1.5 e lt 3

Alcool 13,5%-15% vol.

Rosso granato intenso che negli anni tende all'aranciato. Profumo di violetta e rosa canina con sentori inebrianti di spezie, liquirizia e confettura e cipria. Sapore asciutto, gradevolmente tannico e armonico, di gentile robustezza, rivela consistenza e straordinaria aristocrazia.

QUANDO

L'attesa si dice sia il piacere stesso. Il Basarin ama farsi aspettare (fino a 15 anni) per preparare adeguatamente il suo bouquet, ammorbidire dolcemente i suoi tannini, trovare il suo perfetto equilibrio e diventare il principe del Barbaresco

COME
clessidra.png
05_icon.png

Conservatelo in ambiente privo di luce e poco umido, a temperatura costante mai superiore a 20° C

Bevetelo a circa 18°-20° C, servito in un calice capiente e panciuto (barbaresco) con apertura dritta o che si allarga in alto per sprigionare appieno il corredo aromatico intenso e complesso

per la degustazione è consigliabile l'apertura della bottiglia almeno un'ora prima

ABBINAMENTO CLASSICO

I piatti di selvaggina sono consigliati per godere della purezza di questo vino. Un classico intramontabile il cinghiale al civet. O fumanti tagliate con ragù d'anatra. E se desiderate un formaggio: il Castelmagno o il Grana Padano rigorosamente stagionato

ABBINAMENTO CURIOSO
06_icon.png
07_icon.png

Vi invitiamo a provarlo con un filetto alla liquirizia con cipolle di Tropea. Se amate sperimentare allora abbinatelo con un dolce: una torta alle rose o preparate uno zabaione al Barbaresco

IL COMMENTO DEL PRODUTTORE
IL VIDEO DEL VIGNETO