COUGNA'

Il risultato è di difficile definizione: Mostarda? Marmellata?
La cosa migliore è lasciare che a descrivere questo prodotto sia il suo nome dialettale: Cugnà.

 

È tipica del tempo della vendemmia e dal rinascimento in poi era gustata sia a corte sia nelle campagne.

Cugnà02-scaled.jpg
cugna.jpg

I reali l’accompagnavano a pantagruelici bolliti misti, mentre i contadini la consumavano invece come accompagnamento della polenta. È nata per utilizzare il residuo della vendemmia e la frutta autunnale in eccesso.

È prodotta con l’attenzione e la passione di un tempo, a partire dalla cottura a fuoco lento del mosto di uva a cui vengono aggiunte pere martin, mele cotogne e nocciole tonda gentile delle langhe tostate.

 

Confezione: 2 barattoli da 215 gr

Sulla tavola la Cugnà trova un classico abbinamento con una buona polenta, aggiunta direttamente nel piatto o sul tagliere di portata e con i bolliti di carne.

 

Altrettanto apprezzato è l’abbinamento con i formaggi. O semplicemente spalmata sul pane.

Max_72932623_l-2019.jpeg