SATIFOL  |  VINO DI UVE STRAMATURE

Satifol è ‘’ma sei matto?’’ in piemontese.

É la domanda di nonno Aldo quando ha scoperto il momento della raccolta

a metà novembre e i grappoli attaccati alla muffa nobile (Botrytis cinerea).

Per lui produrre vino con quell’uva sarebbe stato da matti...e lo pensa ancora! 

 

ZONA DI PRODUZIONE

Vigneti a San Rocco Seno d'Elvio (Alba) ben esposto al vento.

Altitudine 300 m s.l.m.

VIGNETI E TERRENO
01_icon.png

0,5 ettari: età media 30 anni su formazioni di Lequio (marne grigie con alternanza di livelli sabbiosi.)

VITIGNO

Noto vitigno bianco autoctono

VENDEMMIA
02_icon.png

Manuale, tardiva nella seconda decade di novembre

VINIFICAZIONE

La produzione di questo vino varia di anno in anno: può sovramaturare in pianta o in cassette. Pressiamo l'uva in modo soffice. La fermentazione è in acciaio a circa 15-16° C molto lunga e lenta affinché i lieviti riescano a lavorare. L'affinamento è variabile in alcuni anni 50% in legno e 50% vasi vinari di acciaio inox, in altri anni lo affiniamo solo in acciaio inox. Il vino lo affiniamo anche in bottiglia

PRESENTAZIONE
03_icon.png
04_icon.png

Formato disponibile - lt 0.375

Alcool 13%-15% vol.

Giallo paglierino brillante con riflessi dorati intensi. L'aroma è complesso e invitante con sentori di fiori gialli, fiori di acacia, miele e frutta secca come albicocca e pesca. Il gusto è persistente, avvolgente, caldo e conferma i sentori al naso

QUANDO

Sempre: appena imbottigliato per coglierne l'aromaticità e freschezza, negli anni per suggellarne l'intensità, la dolcezza e la voluttuosità

COME
clessidra.png
05_icon.png

Conservatelo in ambiente privo di luce e poco umido, a temperatura costante mai superiore a 20° C

Bevetelo a circa 14°-16° C, servito in un calice con dimensioni contenute e coppa panciuta per favorire lo sviluppo degli aromi e la loro concentrazione al naso

ABBINAMENTO CLASSICO

Servito a fine pasto al momento del dessert. Con i dolci della tradizione piemontese e non solo. I nostri suggerimenti: bunet con amaretti, torrone, pastiera napoletana e babà al rhum! Non è insolito trovarlo servito a tutto pasto

ABBINAMENTO CURIOSO
06_icon.png
07_icon.png

Virtuoso è con gli con stuzzichini salati. Amabile e avvolgente con il fegato alla veneziana. Potete sorseggiarlo accompagnandolo a frutta secca (dolce o salata) o frutta disidratata: nocciole, anacardi, ribes, pesche, albicocche. E con il Roquefort? Da provare!

IL COMMENTO DEL PRODUTTORE